Contributi per Lorenteggio e Giambellino

Bando “AdP Lorenteggio – Sostegno all’avvio e al rafforzamento delle attività imprenditoriali con effetti socialmente desiderabili”.

“AdP Lorenteggio – Sostegno all’avvio e al rafforzamento alle attività imprenditoriali con effetti socialmente desiderabili” è il nuovo bando che mette a disposizione dei contributi  per Lorenteggio e Giambellino, in particolare per le imprese a impatto sociale attive o nascenti in questi territori. Le risorse messe a disposizione derivano da fondi POR FESR Lombardia 2014-2020, volti al sostegno di progetti e iniziative collocate in ambiti urbani caratterizzati da particolare degrado socioeconomico. In questo caso, l’iniziativa fa parte dell’Accordo di Programma tra Comune di Milano, Regione Lombardia e Aler che prevede anche il sostegno allo sviluppo di imprese a impatto sociale nel cosiddetto “Quadrilatero ERP” interessato da importanti interventi di riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, e nelle zone limitrofe.

Contributi per Lorenteggio e Giambellino, a chi si rivolge il bando?

Il bando “AdP Lorenteggio” si rivolge sia alle nuove idee imprenditoriali, sia alle imprese esistenti che già operano o che decideranno di operare nei due quartieri bersaglio.

Qual è la finalità di AdP Lorenteggio?

A valutare i progetti sarà un’apposita commissione comunale che premierà, oltre alla sostenibilità economica, la capacità delle singole iniziative di generare servizi e prodotti rivolti alle fasce più deboli della popolazione, di rivitalizzare l’attrattività economia del quartiere nonché di creare nuove opportunità occupazionali per gli abitanti dell’area Lorenteggio – Giambellino.

Budget e scadenza

Il bando mette a disposizione 1,2 milioni di euro a fondo perduto per far nascere o crescere imprese profit e non profit localizzate nei due quartieri. I contributi per saranno concessi “a sportello”. La percentuale di contributo varierà rispetto al costo complessivo del progetto: 70% per progetti con costo tra i 30 e i 90 mila euro, 60% se l’investimento va dai 90 ai 150 mila euro e 50% se il costo è compreso tra 150 e 200mila euro o superiore a 200 mila euro. Il meccanismo si basa sul presupposto che imprese e aspiranti imprenditori presentino progetti proporzionati alla propria capacità economico-finanziaria e tecnico-operativa e che le realtà più solide possano cofinanziare in misura maggiore rispetto alle altre. Questo permetterà ad un numero più alto e diversificato di imprese di ricevere il contributo dell’Amministrazione. Le domande di partecipazione potranno essere presentate dal 2 luglio al 31 dicembre 2020.

Per maggiori informazioni, consultare direttamente la pagina del Comune di Milano.