fbpx

San Siro e dintorni

San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica della città di Milano, realizzato tra il 1935 e il 1947, per la maggior parte di proprietà di Aler Milano (Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale) è caratterizzato da degrado strutturale e manutentivo. Seppure ben connesso alla rete di mobilità cittadina e ai principali servizi, può essere considerato una periferia al confine con il centro della città.

 

Le due anime del quartiere

Le anime di San Siro sono due: quella popolare, con le case del quartiere Erp adiacenti a piazzale Selinunte e quella borghese, con residenze circondate dal verde. La prima è composta da numerosi abitanti di origine straniera, spesso proprietari di negozi di commercio etnico, da persone in condizioni di fragilità e da molti anziani soli. La zona più nord, invece, è stata pensata e costruita sul modello della “città giardino” con ville, ampi spazi verdi, un’offerta rivolta a fasce sociali medio-alte. Al centro di quest’area si colloca lo stadio di San Siro interessato attualmente da un lungo e complesso processo di trasformazione.

 

Il ruolo fondamentale del terzo settore

In generale una grande risorsa di questo territorio è la presenza di numerosi soggetti locali attivi e differenziati per tipologia di intervento e progettualità che quotidianamente contribuiscono al miglioramento delle condizioni di vita dei suoi abitanti più fragili.

 

Gallaratese, uno dei quartieri più grandi costruiti ex novo

Gallaratese è uno dei quartieri più grandi costruiti ex novo in Italia. Quartiere “giovane”,  simbolo della rinascita del secondo dopoguerra, edificato sulle macerie delle case distrutte dai bombardamenti: nelle intenzioni sarebbe dovuto essere un nuovo quartiere residenziale, sperimentale e innovativo, quello che ne risultò fu un quartiere dormitorio, segnato dall’assenza di spazi e servizi collettivi.

 

Gli anni del boom economico

La popolazione che per prima è venuta ad abitarci era costituita in maggioranza da migranti economici che, da altre zone d’Italia, si sono trasferiti per motivi di lavoro: gli anni di sviluppo del quartiere hanno coinciso infatti con gli anni del boom economico.

 

Tessuto sociale frammentato

Nel tempo, con i primi residenti ormai diventati anziani, il quartiere si è popolato di nuove famiglie, anche straniere. Tuttavia il tessuto sociale del territorio appare fortemente segmentato: l’unico polo attrattivo della zona sembra essere il centro commerciale Bonola.

 

Gallaratese “quartiere aperto”

Gallaratese visto dall’alto appare composto di veri e propri blocchi o isolati e grandi aree verdi che li separano, un “quartiere aperto”, attraversabile e percorribile da parte a parte solo attraversando due strade. Qui vi sono ancora diverse cascine storiche che cercano di sopravvivere tra i palazzi residenziali.

App BellaStoria

#BellaStoria, l’app interattiva della Scuola dei Quartieri

Con #BellaStoria puoi esplorare la città scoprendo i volti e le esperienze di chi ha cambiato i quartieri, il calendario delle iniziative promosse dalla Scuola e una serie di altre opportunità a disposizione dei cittadini per rigenerare le periferie.

Per rimanere aggiornato e entrare a far parte della comunità della Scuola dei Quartieri, scarica la App dall’Apple App Store o dal Google Play Store.

Con gli occhi del quartiere

Guida all’indagine del quartiere, per ascoltare e far conversare la propria idea con lo spazio della città. Serve a osservare e conoscere, mossi dalla curiosità. Suggerisce strategie di scoperta, andando a zonzo (in città, nel web, in biblioteca); addestrare lo sguardo, facendosi buone domande; bighellonare, formulando ipotesi e stabilendo nessi. Scarica il PDF oppure consultala online QUI.

Con gli occhi del Quartiere

Bibliografia