fbpx
La Scuola dei Quartieri e l'emergenza coronavirus
17457
page-template-default,page,page-id-17457,cookies-not-set,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

La Scuola dei Quartieri e l’emergenza coronavirus

Messaggio per i partecipanti al secondo bando della Scuola dei Quartieri

 

Abbiamo lanciato il secondo bando della Scuola dei Quartieri a fine gennaio, ma sembra passato un secolo. Tre mesi fa i gruppi vincitori della prima edizione avevano appena terminato la formazione avanzata e abbiamo presentato le loro idee e il nuovo bando in un’allegra e affollatissima serata al teatro Bello di Lorenteggio. La scadenza era fissata al 9 aprile 2020.

Poi è arrivato il blocco: abbiamo prorogato la scadenza a fine aprile e spostato tutte le nostre attività online, per continuare ad aiutare i gruppi che stavano preparando la candidatura.

 

Speravamo, come tutti, che l’emergenza finisse presto. Non è andata così

 

Oggi il peggio sembra passato ma ancora non sappiamo con certezza quanto durerà il blocco e, soprattutto, cosa ci attende dopo. Probabilmente alcune attività nei prossimi mesi non saranno fattibili; altre dovranno cambiare per adattarsi alla nuova situazione. Ma cambiare come? Secondo quali regole? E per quanto tempo?

scuola quartieri coronavirus

In questo momento di grande incertezza, siamo però sicuri di tre cose

 

La prima è che nei prossimi mesi ci sarà molto bisogno della Scuola dei Quartieri. Forse ancora più di prima. Ci sarà bisogno dell’energia e della solidarietà dei cittadini. Ci sarà bisogno di mettersi insieme e collaborare. Ci sarà bisogno di idee nuove, utili e sostenibili capaci di rispondere ai bisogni delle comunità.

 

La seconda è che i momenti difficili sono degli acceleratori della creatività. In questo periodo, nei quartieri di Milano, abbiamo visto nascere delle bellissime esperienze di solidarietà, soprattutto al servizio dei più fragili. La Scuola dei Quartieri può anche essere l’occasione per proseguire o potenziare le attività nate spontaneamente in questi mesi e che potrebbero essere sostenute attraverso i nostri bandi.

 

La terza è che serve un po’ di tempo in più: non pochi giorni ma alcune settimane. Per questo abbiamo deciso di prorogare la scadenza del secondo bando della Scuola dei Quartieri fino al prossimo 8 giugno.

 

Sappiamo che molti gruppi hanno continuato a lavorare anche a distanza e oggi sono pronti a presentare la candidatura. Ma è probabile che molti progetti vadano adattati o ripensati alla luce delle direttive che verranno emanate dalle autorità per evitare una nuova diffusione del virus. Crediamo sia utile dare a tutti i partecipanti il tempo necessario per conoscere le regole della ripartenza e la loro durata, e per capire se e come modificare il proprio progetto.

 

Che effetto avrà la proroga sui passaggi successivi?

 

Come team della Scuola, insieme agli uffici del Comune di Milano, faremo di tutto per limitare le conseguenze sulla tabella di marcia: ci impegneremo per concludere le attività di valutazione delle candidature entro l’estate per avviare il secondo percorso di formazione avanzata a settembre.

 

Per ogni domanda o richiesta di chiarimento, siamo come sempre a vostra disposizione. Fino alla scadenza del bando, i nostri servizi di assistenza ai partecipanti tramite telefono e email saranno attivi, negli orari e ai recapiti indicati qui:

 

Un saluto a tutti. E un grande in bocca al lupo

La Scuola dei Quartieri

ATTENZIONE

Questa pagina ha una finalità di prima informazione. Per requisiti e modalità di partecipazione fare riferimento a quanto indicato nel Bando e nella documentazione scaricabile dal sito del Comune di Milano.